Crea sito

GRUPPO  DANZE  POPOLARI  CASTELFRANCO  VENETO

( aggiornamento giugno 2017)

 

Presentazione

 

Il gruppo danze popolari Castelfranco Veneto è  nato nell’autunno del 1987 per iniziativa di alcuni appassionati ballerini che decisero di organizzare a Castelfranco il primo corso per apprendere i balli della tradizione popolare.  All’inizio il gruppo si costituì intorno agli amici dei promotori e si avvalse dell’esperienza di insegnanti esterni provenienti da altri gruppi già avviati.  Poi, man mano che aumentava l’esperienza degli organizzatori e i partecipanti si selezionavano in base all’interesse per i repertori proposti, il gruppo cominciò ad assumere una fisionomia più autonoma organizzando le proprie attività secondo formule via via più definite e collaudate.

Durante gli anni il gruppo è stato frequentato da un numero molto elevato di persone;  la maggior parte di esse ha partecipato solamente per una stagione, altre per un periodo più lungo, in ogni caso il ricambio è sempre stato intenso.  Ciononostante, nel corso degli anni, il gruppo ha potuto realizzare un efficace percorso di approfondimento delle competenze tecniche e delle conoscenze culturali .  Ciò è stato possibile grazie alla fedeltà di alcune persone che, sorrette da una forte motivazione e da un positivo spirito di collaborazione, hanno creato le condizioni per realizzare un lavoro continuativo nel tempo accogliendo con interesse anche le proposte più impegnative.

Negli ultimi anni l’attività del gruppo ha registrato un incremento della partecipazione ai corsi e una costante, talvolta massiccia, presenza dei propri membri alle feste e alle manifestazioni riguardanti la musica tradizionale.  Questa “fedeltà” si può spiegare con il clima di accoglienza e di collaborazione che si respira all’interno del gruppo, non solo nei momenti festivi, ma anche durante le attività di apprendimento in palestra.  Tale clima favorevole alla socializzazione è indubbiamente una delle caratteristiche più significative del “Gruppo Danze Popolari” di Castelfranco Veneto.

Il gruppo nel corso del tempo ha realizzato e organizza tuttora le seguenti attività:  corsi periodici, stage intensivi, conferenze, feste a ballo, animazioni, spettacoli.

 

a) Corsi periodici  -  E’ il principale impegno del gruppo. L’attività in palestra ha una cadenza settimanale e serve per apprendere le danze o per approfondire i repertori già noti. Questa attività  in genere è gestita direttamente dai membri del gruppo che possiedono maggiore esperienza;  occasionalmente possono essere chiamati degli insegnanti esterni.  Nel corso degli anni l’organizzazione dei corsi ha subito varie modifiche. Attualmente è impostata secondo la seguente scansione:  1) periodo autunnale: (settembre) corso monotematico dedicato a repertori del Sud Italia (in genere con insegnanti esterni);  2) periodo autunnale- invernale (da ottobre a dicembre)  corso introduttivo, per principianti (balli di animazione e introduzione al ballo di tradizione);  3) periodo invernale - primaverile  (da gennaio ad aprile)  corsi monotematici su repertori tradizionali specifici del Nord Italia (Valli Occitane, Quattro province, Appennino emiliano, Romagna, Veneto, Friuli);  4) periodo primaverile:  (maggio)   attività mista: insegnamento di alcuni balli + festa con musica dal vivo; in tali occasioni la serata viene animata da uno o più suonatori scelti fra quelli attivi nell’area  veneta.

 

b) Stage intensivi  -  Sono corsi brevi (in genere si svolgono in un fine settimana) ma concentrati (otto – dodici ore di attività).  Vengono organizzati per apprendere un repertorio specifico (i balli di una zona culturalmente omogenea, balli di animazione, ecc.). I corsi sono tenuti da esperti esterni (ricercatori etnocoreologi o diretti portatori di tradizioni coreutiche). In questo genere di attività il gruppo danze svolge fondamentalmente il ruolo di promotore e organizzatore dell’evento.

 

c) Conferenze  -  Sono incontri con esperti (etnomusicologi, ricercatori sul campo) durante i quali vengono analizzati specifici lavori di ricerca o vengono approfondite tematiche inerenti al contesto culturale e al significato antropologico dei balli tradizionali.

 

d) Feste a ballo  -  Sono occasioni per mettere in pratica  in un contesto più idoneo quanto è stato appreso in palestra.  In genere si balla con musica dal vivo.  I suonatori provengono da altri gruppi oppure, in occasione degli stage, possono essere portatori  di un repertorio specifico. In ogni caso i brani proposti sono esclusivamente di tipo tradizionale  o di animazione.

 

e) Animazioni  -  Sono attività in cui, utilizzando balli facili di gruppo, si mira al coinvolgimento del pubblico al fine di favorire la socializzazione e un clima di accoglienza.  Un ulteriore funzione è quella di promuovere la conoscenza fra la gente dei balli di origine tradizionale.  La partecipazione a queste “feste” in genere è richiesta da enti esterni al gruppo:  associazioni, comitati o anche privati cittadini, per occasioni di carattere pubblico (festa per la pace, festa per gli anziani, matrimoni, ecc.). In genere il gruppo danze partecipa a questi eventi con una propria rappresentanza più o meno ampia in funzione della disponibilità dei singoli e delle caratteristiche dell’evento.

 

f) Spettacoli  -  Negli ultimi anni l’attività di alcuni membri del gruppo si è espressa anche in forma spettacolare grazie alla collaborazione con un altro gruppo spontaneo che si occupa di musica tradizionale nel territorio di Castelfranco:  il coro “Castelcanto”.  In una prima fase si è trattato di un intervento limitato durante i concerti del coro.  Successivamente la proposta si è allargata coinvolgendo un maggior numero di ballerini impegnati nell’esecuzione di numerosi balli sostenuti dall’intervento del coro (canti a ballo).  Infine recentemente è stato realizzato uno spettacolo teatrale vero e proprio in cui un gruppo di ballerini è protagonista di una storia narrata attraverso una successione di balli.  La narrazione è sostenuta musicalmente dal coro “Castelcanto” e dai suonatori organici al coro medesimo.

Nota:   Lo spettacolo è stato eseguito fino al 2011

Informazioni aggiuntive